dal 2009
10 anni di noi con voi
Vai ai contenuti
produzioni
                                    
Buon anno nuovo a tutte e a tutti!
Si ricomincia. Ciascuno con le proprie aspettative, i propri desideri e i propri sogni, affidati un po’ alla sorte è un po’ alla buona volontà - che ogni inizio sembra rinvigorire.

Anche noi, dopo due anni di fatica e smarrimento, cerchiamo di ricominciare.
Non è facile perché ci rendiamo benissimo conto che la pandemia non è per nulla lontana e la paura dei contagi si è fatta strada non solo dietro alle mascherine ma anche tra le nostre azioni e nella nostra anima: anche solo abbracciare è diventato un gesto non più abituale, figuriamoci fare teatro!

Abbiamo resistito a fatica in questo periodo lungo come un’eternità e abbiamo cercato di tenere alta la voglia e l’energia per quello che ci piace fare e condividerla - nel rispetto di ogni nuova regola che arrivava - con i pochi coraggiosi che hanno resistito e hanno continuato a credere nelle nostre proposte.
E da questa fiducia è nata la voglia di ampliare ancora di più la nostra proposta, aprendo le porte della Tana a quanti hanno voluto credere nell’arte e ci hanno voluto sostenere, viaggiando insieme a noi: ne è nata una Rassegna teatrale che abbiamo voluto chiamare TANA LIBERA TUTTI!
Una Rassegna eterogenea, ricca di proposte uniche, a volte inedite, che racconta gli argomenti più vari con i linguaggi teatrali più differenti: dallo spettacolo comico al reading, dalla lettura di poesie al monologo.
Proposte di qualità e di grande generosità, che testimoniano la voglia di ricominciare.

Una Rassegna che - vogliamo dirlo con grande onestà- non è solo un atto altruistico: certo, siamo spinti dal desiderio di regalare, per quanto possibile, un po’ di bellezza e di meraviglia a chi vorrà venirci a vedere, per fargli vivere emozioni e realtà diverse dalla quotidianità triste a cui siamo ormai abituati.
Ma è anche un atto di artistico egoismo: un bisogno di regalarci di nuovo il piacere di stare in scena, di fare quello che ci piace davvero.
È un atto che vuole ridare valore e scopo al nostro mestiere: farci uscire, come persone e come artisti, dal buio della solitudine e della povertà di spirito in cui ci hanno costretto a stare e riprenderci l’essenza stessa del fare arte.

Abbiamo resistito a fatica in questi due anni e assistere, ogni giorno, a nuove restrizioni e nuovi divieti ha messo a dura prova non solo il nostro spirito ma anche le nostre finanze: per questo vi chiediamo aiuto.
Ma vogliamo farlo come sappiamo fare: facendo arte.
Partecipare alla Rassegna significherà, per voi spettatori, non solo poter assistere a momenti importanti di teatro ma anche sostenere la nostra realtà, sostenere i nostri progetti e consentirci di continuare a sognare insieme.

Grazie fin da ora!

E allora, buio in sala: si comincia.
22
gennaio
ADDIO MONDO CRUDELE
commedia brillante di Tobia Rossi.

Un nuovo cast per la storica piéce con cui ha esordito la Compagnia di Messinscena.

In scena:
Alessia Bianchi  -  Daniele Carrara  -  Fabio Cercone  -  Elena Pavesi  -  Carmela Pesimena  -  Andrea Medaglia

Bianca, tradita dal marito, decide di farla finita buttandosi dalla finestra dello studio della sua psicanalista.
Andrea, tradito dalla moglie, decide di farla finita lo stesso giorno, alla stessa ora, buttandosi dallo stesso cornicione. Su quello spazio angusto i due personaggi incontreranno ed affronteranno tutto il loro mondo fatto di aspettative e fallimenti, di cadute e voglia di ricominciare.
Una commedia frizzante e divertente, ricca di colpi di scena e di equivoci, come vuole la tradizione. Un ritmo incalzante e tanta allegria!

Compagnia messinscenaTeatro
5
febbraio
LA CANTATRICE CALVA
lettura scenica dell’opera di E. Ionesco

L'Associazione Teatro Mariella nasce nel 2013, fondata da Maria Parravicini e da un gruppo di giovani attori milanesi.
La  compagnia attuale è  sintesi e punto d'arrivo di diversi anni di  esperienza e sperimentazione teatrale: nata come gruppo di teatro  scolastico presso il Liceo Classico Manzoni di Milano, si è poi aperta a  studenti/attori di altre scuole e università. Ogni anno la compagnia mette in scena nuove performances, non solo a Milano, ma anche in altre città italiane e all'estero.
Lo spettacolo proposto è stato presentato al Festival “Erbe matte” alla Giudecca.

Direzione Artistica: Mariella Messa Parravicini.

Compagnia ATmariella
19
febbraio
D'ISTANTI - la città dentro
Reading teatrale con accompagnamento musicale, seguito da docufilm
da un’idea di Mattia Cabrini.

letture sceniche a cura di:
Alessia Bianchi   -   Mattia Cabrini   -   Daniele Carrara    -    Federico Olivares

Se chiudo gli occhi fuori si apre una città dentro. Provate. Quando lo faccio vi sono strade che mi sembra di conoscere già, come se le facessi tutti i giorni, ma a cui non avevo prestato attenzione fino ad ora. Ci sono aree storiche di cui vado fiero e periferie di cui mi vergogno e dove, mi dispiace, ma non vi porterò perchè non ne ho ancora il coraggio.
Volevo andarmene come un ragazzino quando vuole scappare di casa. La mia casa. Ho sentito la necessità di andare fuori.

seguirà la proiezione del film:
D’istanti - La città dentro è un docufilm nato da un’idea di Mattia Cabrini con la regia di Sol Capasso, la fotografia di Luca Catullo e la partecipazione di Giulia Cabrini. E’ un viaggio nella vita di alcune persone che nei mesi di pandemia hanno fatto esperienza della distanza.

Compagnia dei Piccoli
26
marzo
P-38
monologo sugli anni di piombo in Italia.
Un professore ci porta indietro agli anni che sconvolsero l'Italia e gli italiani: dalla strage di piazza Fontana all'omicidio di Aldo Moro.  Tra carnefici e vittime degli anni di piombo, un viaggio nella nostra storia attraverso l'arma incredibile dell'ironia.

Lo spettacolo racconta in uno stile leggero e semi-comico, uno dei capitoli più drammatici della nostra Repubblica, attraverso le parole di un supplente di scuola: personaggio umile e quasi timido ma appassionato e profondo, alla ricerca di una verità scomoda e mai scontata.
Di e con Andrea Medaglia.

produzione messinscenaTeatro
9
aprile
CONTO UN'ASOLA PER BOTTONE
poesie e musica di e con Gabriele Faccialà (sax e tastiere) e Nicole Fontana (violino) e gli attori di messinscena.

Una serata di poesie scritte dall'autore negli ultimi 5 anni, accompagnate da una narrazione parallela sotterranea musicale che si intreccia alle parole.
molteplici i temi affrontati: il mito, la fiaba, amori sublimati, amori sognati, la musica come ossessione ma anche come gioco. Non mancano anche poesie che rievoano alcuni miti dell'arte: Dalì (La persistenza della memoria), Fontana (Attese) e Courbet (l'origine del mondo).
Tutte le liriche sono collegate da un filo rosso che è rappresentato dal "cucire qualcosa": punto di partenza che via via si amplia, sino all'esasperazione surrealistica dell'atto stesso.
"La poesia mi permette di creare un piano simbolico continuo, in cui un atto così "quotidiano" e semplice (nel suo significato di umile) come "cucire" o allacciarsi una camicia, a volte può nascondere una trama (il termine non è casuale!) inquietante.
Può scatenare un gioco poetico artificioso fuori controllo, anche ridondante."
14
maggio
TOCCATA E FUGA
commedia brillante di D. Benfield

in scena gli allievi del Laboratorio Spettacolo di Messinscena:
Alfredo Sacchi  -  Elena Barbieri   -  Laura Gorla   -   Mauro Ledda   -   Silvana Ferraro

coordinamento registico:
Barbara Martorana   -   Mara Moccia

Le bugie hanno le gambe corte, anche se provano a correre facendo Jogging. “Toccata e fuga” è la brillante commedia di Derek Benfield che ci racconta le vicissitudini di due coppie di amici dove si intrecciano tradimenti ed equivoci di ogni genere. Una scena doppia, come doppie sono le vite dei singoli personaggi che vivono i loro ménage cercando di nascondersi i reciproci inganni. Una serie esilarante di situazioni al limite, scandiscono il ritmo della commedia, deliziando lo spettatore con innumerevoli e continui colpi di scena.

produzione messinscenaTeatro
21
maggio
IL COLLOQUIO
atto unico a cura di A. Soragna, A. Ligato e C. Borghi.

In scena:
Alessandro Ligato   -   Carlos Borghi

Coordinamento registico:
Alessandro Soragna

Nel corso del loro colloquio notturno, i due protagonisti riflettono su un tema profondo ed emotivamente coinvolgente: il potere uccide gli uomini ma non può cancellare il loro passaggio nella vita terrena, la loro moralità, la loro intelligenza, ciò che hanno fatto. Un messaggio forte e chiaro che raggiunge lo spettatore obbligandolo ad una riflessione sul concetto di potere.
Un boia fermo e calato nel suo ruolo apparentemente insensibile e superficiale ed un innocente che non riesce a gridare la sua incolpevolezza al mondo e nel mezzo un potere forte esercitato dall'alto danno vita ad un testo interessante che affronta argomenti propri ad ogni periodo ed epoca storica e quindi non ha una precisa collocazione temporale. Temi "forti" affrontati con riflessioni sulla società e sul valore della vita e soprattutto della morte.

produzione messinscenaTeatro
costi
biglietto € 10 (riservato soci ARCI/UILT)*

*promo Rassegna: tessera nuova a € 10 (anzichè € 15)


biglietti
prenotazione obbligatoria: prenotazioni@messinscena.it


norme covid
massimo 40 spettatori muniti di Super Green Pass e mascherina FFP2.
messinscena associazione di promozione sociale
largo Brugnatelli, 5/5 Buccinasco (MI)
info@messinscena.it | www.messinscena.it
T. 02 48678342 | M. 335 6766461
p.iva 06864160962
MENU
Torna ai contenuti