dal 2009
10 anni di noi con voi
Vai ai contenuti
Perdita della simultaneità
messinscena
Pubblicato da Dario Devran in covid-emozioni · 29 Aprile 2020
La riflessione più sbalorditiva che sia mai riuscito ad acquisire sul tempo è una delle conseguenze della relatività di Einstein.
Esistono tanti paradossi che derivano dalla teoria della relatività e che sfidano il senso comune, questo però è quasi disturbante.
Si chiama perdita della simultaneità.
Senza entrare in spiegazioni dettagliate, la conseguenza della perdita della simultaneità è che un evento che per un osservatore accade in un istante che lui definisce “adesso”, può essere accaduto nel passato o può accadere in futuro per osservatori che siano in avvicinamento o allontanamento dal luogo in cui avviene l’evento.
Questo porta a vedere lo spazio-tempo come un blocco di quattro dimensioni in cui i concetti di passato/presente/futuro dipendono solo dal punto di osservazione.
Quindi, così come noi sappiamo che esiste tutto lo Spazio sterminato che contiene le galassie lontane lontane, anche se non ci siamo mai stati, siamo ora consapevoli che esiste già tutto il TEMPO.
Il passato non è scomparso, il futuro esiste già, lo scorrere del tempo e la definizione di cosa esiste ora, non esiste più o non esiste ancora dipende solo dal nostro punto di vista.
Questo concetto mi ha sconvolto perché sembra togliere ogni libero arbitrio alle nostre azioni. Il futuro è già scritto, eppure con le nostre azioni siamo convinti di poterlo cambiare.
In realtà, tutte le nostre scelte sono già state compiute, e tutti gli eventi fortunati e sfortunati della nostra esistenza sono già lì, aspettano solo che noi passiamo attraverso quei momenti per viverli e sperimentarli come il nostro presente, ricordarli come il nostro passato, sognarli come il nostro futuro.
Siamo in pratica attori di una pellicola cinematografica già completata e registrata, e che deve solo scorrere davanti al proiettore che la mostra, ma il fatto di non conoscere il copione può darci l’illusione che lo stiamo scrivendo noi.
Ed in effetti lo stiamo facendo, e continueremo a farlo, solo che il finale è già scritto…chissà se qualcuno troverà un giorno il modo di conoscerlo.



messinscena associazione culturale
largo Brugnatelli, 5 Buccinasco (MI)
info@messinscena.it | www.messinscena.it
T. 02 48678342 | M. 335 6766461
p.iva 06864160962
MENU
Torna ai contenuti